I punti di GOL: giustizia e sicurezza

L’amministrazione del capoluogo, responsabile delle sedi delle maggiori strutture regionali per la protezione del cittadino dai reati, dovrebbe utilizzare le proprie responsabilità e competenze per indirizzare e supportare l’azione di magistratura e forze dell’ordine ai fini della repressione dei reati, che una politica accecata dalla demagogia ha privato della funzione deterrente della pena giudiziaria.

Punti programmatici:

  • Istituzione di un assessorato “giustizia e sicurezza”, perché le due cose sono inscindibili.
  • Indirizzo delle forze dell’ordine e della procura verso la repressione dei reati contro la proprietà;
  • Pressione sulla magistratura per il recupero del valore deterrente della pena. E per quanto possibile, di quello risarcitorio (in collaborazione con gli istituti penitenziari);
  • Dotazione alla Polizia Municipale dei mezzi logistici ed organizzativi per gli arresti ed i fermi.
  • Dotazione alla Polizia Municipale dei mezzi logistici ed organizzativi per il monitoraggio del territorio, con responsabilizzazione per area.
  • Collaborazione con il Tribunale, sia Penale che Civile, per la condivisione straordinaria di personale impiegatizio.
  • Condivisione e monitoraggio continuo con Tribunali, Questura e Penitenziario degli aspetti logistici (di competenza del Comune)  e delle attività prioritarie.
  • Eliminazione dello scandalo delle notifiche per compiuta giacenza. Come una volta, e come nei paesi civili, la polizia giudiziaria deve notificare personalmente gli atti. Se impossibile, significa che la residenza non è quella, od è ignota.
  • Totale modifica del sistema di valorizzazione (giustizia) e di pagamento delle contravvenzioni (facilità).
Annunci

Montagnola e criminalità: il degrado deve finire

Montagnola e degrado

Parole chiave: SPACCIO • CRIMINALITÀ • RIQUALIFICAZIONE DELLA MONTAGNOLA • PARCO PER FAMIGLIE

1| Montagnola parco per bambini e famiglie? La notizia di qualche tempo fa non arriva inaspettata; prima un magrebino che brandisce una katana durante una rissa, poi un pistola che semina il panico fra i passati, prima di scoprire che si tratta di un arnese giocattolo.

2| Il parco del centro non è più un luogo sicuro da anni, centro di spaccio di droga, degrado e criminalità. Questo è inammissibile: un parco dovrebbe essere un luogo di svago, di divertimento, di cultura, un luogo in cui poter portare i propri bambini a giocare in tutta sicurezza.

3| Il primo punto dell’agenda di un buon amministratore deve essere il tema della sicurezza e noi di GOL, ben consapevoli di ciò, intendiamo promuovere iniziative concrete per costruire una nuova Bologna, più bella, più sicura, più vivibile.

4| Una Bologna che faccia rete comune per contrastare il degrado e la criminalità. I cittadini, infatti, sono al centro del programma di GOL e l’attenzione ai cittadini, uniti da rinnovato senso civico, è la chiave per un’amministrazione giusta e competente.

5|Per questo, l’impegno che come GOL vogliamo portare avanti, è arrivare ad una maggior conoscenza dei problemi reali nei quartieri, del vissuto quotidiano, per poter essere di aiuto concreto alle autorità competenti e per debellare i problemi della sicurezza che purtroppo attanagliano alcuni quartieri di Bologna.

6| Il progetto, “GOL punto di ascolto, controllo del vicinato e sicurezza nei quartieri” si propone proprio questo, di parlare con la gente e raccogliere le criticità, le insicurezze, le proposte ed osservazioni dei cittadini, ad esempio, attraverso specifici questionari a tema. Una vicinanza reale alla cittadinanza è un primo e importante passo per una maggiore qualità della vita e una città più sicura.

Sergio Celloni

Candidato sindaco per la lista civica GOL – Giustizia Onore Libertà

Droga e spaccio: dati allarmanti

Droga e spaccio

1| Bologna al centro di un business della cocaina internazionale, dal Pilastro al Sudamerica. Non è che l’ennesima notizia a conferma di uno stato di estrema gravità ed emergenza; la nostra città non è più un luogo sicuro e lo spaccio e il consumo di droga, negli ultimi decenni, sono diventati una piaga da debellare con urgenza.

2| Ma il vero stato di emergenza di oggi sta nella diffusione della cocaina a tutti i livelli e di tutte le droghe, definitive “leggere”.

3| Noi di GOL monitoriamo con preoccupazione questa situazione e crediamo che sia quanto più necessario istituire esami tossicologici come forma preventiva e sostenere l’interdizione a posti di lavoro pubblici e di responsabilità a coloro che fanno abuso di droghe.

4| Solo una risposta energica potrà portare a risultati effettivi, solo una presa di posizione decisa da parte dell’amministrazione potrà fare di Bologna una città più sicura e vivibile.

5| Questo tema, come GOL, ci sta particolarmente a cuore, perché crediamo fortemente che Giustizia e Sicurezza siano temi cardine del nostro programma e punti fondamentali da affrontare nell’amministrazione cittadina.

Sergio Celloni

Candidato sindaco per GOL – Giustizia Onore Libertà

Passante Nord: una viabilità efficiente al servizio della comunità

1| L’incidente che si è verificato mercoledì 3 febbraio in A14 per il ribaltamento di un camion e che di riflesso ha bloccato la tangenziale bolognese, è l’ennesima dimostrazione dell’inefficienza del sistema viario della nostra provincia e regione. L’attuale tangenziale, come gli altri raccordi periferici, nasce vecchia in quanto dal progetto alla realizzazione passano decine di anni. È necessario scongiurare questo problema per il prossimo passante Nord su Bologna.

2| Vengono redatti studi di fattibilità con costi difficilmente quantificabili e soggetti a variazioni in corso d’opera, anche cospicui, che non trovano nessun riscontro negli Enti preposti, Ministero ed ANAS, rispetto alle relative approvazioni e accordi.

3| Nei requisiti di progetto non esistono tempi e termini per l’esecuzione. Questo è un grosso problema perché, conoscendo le lungaggini delle nostre amministrazioni e della burocrazia, può produrre non giustificati ritardi.

4| Inoltre, non si hanno ancora le idee chiare per come e dove possa essere l’inserimento del passante. Per quel che mi riguarda come imprenditore, conosco bene le realtà della mobilità, relativamente ai percorsi della via Emilia, urbani ed extraurbani, e ritengo fondamentale che questo posizionamento sia di ampio respiro, tale da collegare, la Chiesaccia, dove è stata aperta l’uscita e il raccordo dell’autostrada per arrivare fino circa a Castel San Pietro. L’attuale tangenziale con i relativi e dovuti raccordi, diventerebbe così un collegamento con la parte urbana della città.

5| La viabilità è un punto di estrema importanza sociale per la comunità, perché è risaputo quanto incidano il costo del fermo traffico e degli incidenti non solo sulla qualità della vita ma anche sul PIL.

Sergio Celloni

Candidato sindaco per la lista civica GOL – Giustizia Onore Libertà